23.3 C
Napoli
venerdì 14 Giugno 2024 - 12:56
HomeAttualitàAllarme colonnine di ricarica elettrica in Ue: "Ne servono 8,8 milioni"

Allarme colonnine di ricarica elettrica in Ue: “Ne servono 8,8 milioni”

-

“Tra il 2017 e il 2023 le vendite di auto elettriche nell’Ue sono cresciute tre volte più velocemente dell’installazione di punti di ricarica. In prospettiva l’Ue avrà bisogno di un numero otto volte superiore all’anno entro il 2030”. E’ quanto si legge in uno studio dell’Associazione europea dei produttori di automobili (Acea).

Secondo la Commissione Ue entro il 2030 dovrebbero essere installati 3,5 milioni di punti di ricarica, quasi tre volte il tasso di installazione annuale più recente. Tuttavia, l’Acea stima che entro il 2030 ne saranno necessari 8,8 milioni: “Per raggiungere questo dato servirebbe installare 1,2 milioni punti di ricarica all’anno (o più di 22.000 a settimana)”.
“Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi europei di riduzione delle emissioni di Co2 è necessaria l’adozione di massa delle auto elettriche in tutti i Paesi. Questo non accadrà senza una diffusa disponibilità di infrastrutture di ricarica pubbliche in tutta la regione”, ha dichiarato il direttore generale dell’Acea Sigrid de Vries, presentando lo studio. L’anno scorso, si legge nella ricerca, sono stati installati 150mila punti di ricarica pubbliche complessivamente in Ue. A fine 2023 nel Vecchio continente i punti di ricarica erano poco più di 632mila. Un dato troppo basso, che se comparato con quello della Cina diventa allarmante. Nel Paese del Dragone nel 2022, secondo lo studio, si contavano 1,8 milioni prese elettriche per i veicoli, ben più degli 1,3 milioni installati nel resto del mondo.
L’Europa impallidisce di fronte alla Cina ma non di fronte agli Usa, dove i punti di ricarica – si legge nello studio – stando ai dati del maggio 2023 erano poco più di 18mila.

Articoli correlati

- Advertisment -