13.7 C
Napoli
sabato 20 Aprile 2024 - 21:36
HomeAttualitàDue miliardi per l'alluvione

Due miliardi per l’alluvione

-

Il governo vara il decreto. Bonaccini bloccato dalla Lega. Conselice ancora sott’acqua. Dopo Belgorod Putin ammette: “Momento difficile”. Colosimo all’Antimafia. Zuppi apre l’Assemblea della Cei

Dunque il governo ha varato un decreto per gli aiuti alle popolazioni colpite dall’alluvione in Emilia Romagna. Si tratta di due miliardi, secondo quanto annunciato da Giorgia Meloni, ricavati nelle pieghe del bilancio. Secondo le prime notizie torna il superbonus al 110% sugli immobili, ci sarà una forma di Cassa integrazione emergenziale, così come sarà ripristinato lo smart working per la Pubblica amministrazione ed è prevista una tantum per gli autonomi. Confermato anche l’utilizzo delle lotterie e si chiederà anche un euro in più ai visitatori dei Musei, per rafforzare la difesa del patrimonio artistico e culturale. Per l’Emilia-Romagna entra in vigore subito il nuovo codice degli appalti, che dovrebbe favorire l’efficienza dell’amministrazione pubblica. Non è stato però nominato, come ci si attendeva, Stefano Bonaccini come commissario per l’emergenza. Perché la Lega si sarebbe fermamente opposta a questa soluzione. Ha ragione Raffaele Marmo che sul Resto del Carlino di stamattina invita le forze politiche a non dividersi su questa emergenza e sulle cose da fare. Intanto nella lotta contro il tempo e contro il fango (Conselice è ancora allagata) c’è una società civile mobilitata, che dovrebbe essere un punto di riferimento per tutti.

L’incursione a Belgorod ha probabilmente rappresentato un punto di svolta nella guerra: non solo perché segna la comparsa di nuove milizie filo-ucraine nel territorio russo. Vladimir Putin ha ammesso che La Federazione russa “sta passando momenti difficili”. A Kiev si prepara la controffensiva, mentre la “jet coalition”, secondo quanto riferito da Josep Borrell, sta rapidamente scendendo in campo a fianco degli ucraini. In Italia non sarà possibile addestrare i piloti di F-16, ma gli italiani daranno lo stesso il loro contributo. Il Fatto ha tradotto e propone un articolo dell’economista Jeffrey D. Sachs che mette in relazione l’enorme debito pubblico americano con le necessità del complesso militar-industriale. Solo la guerra e la produzione militare permettono di tenere in piedi il sistema.

Per tornare alle vicende italiane, ieri nel giorno dell’anniversario di Capaci, è stata eletta la presidente della nuova Commissione antimafia Chiara Colosimo, di Fratelli d’Italia. PD, 5 Stelle e sinistra sono usciti dall’aula per protesta. A Palermo la polizia è intervenuta con i manganelli per fermare il corteo studentesco non autorizzato dalla Questura.

Il cardinal Matteo Zuppi ha aperto la 77esima assemblea della Cei con un intervento che ha toccato tutti i temi di attualità. Ha citato il Papa per confermare che è sbagliato contrapporre accoglienza a natalità. E ha ribadito la necessità di casa e lavoro per i giovani che vogliano costruirsi una famiglia e un futuro. Sabato lo stesso Zuppi sarà a Barbiana per il centenario di don Lorenzo Milani, insieme al Capo dello Stato.

Articoli correlati

- Advertisment -