20 C
Napoli
sabato 13 Aprile 2024 - 22:04
HomeAttualitàFELTRI PER BATTISTI, IN SCIOPERO DELLA FAME

FELTRI PER BATTISTI, IN SCIOPERO DELLA FAME

-

Su Libero Vittorio Feltri interviene a favore di Cesare Battisti, che ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro le condizioni di vita in carcere, cui è sottoposto.

«Tutti dovremmo aver letto la Costituzione, peccato che poi ne dimentichiamo i contenuti. Tanto è vero che lo sciopero della fame di Cesare Battisti, detenuto dopo la tribolata estradizione dal Brasile, è stato commentato con espressioni acide dai media italiani. Il noto brigatista protesta contro il trattamento disumano che gli viene riservato in carcere. Ha ragione lui di lamentarsi in quanto costretto a campare come un topo in gabbia, quando la nostra Carta prevede per i galeotti la privazione della libertà, non la privazione della loro dignità di esseri simili a noi, nonostante abbiano commesso dei reati gravi. Personalmente non posso nutrire nei confronti di Battisti sentimenti di stima e simpatia, tuttavia ciò non mi impedisce di pretendere che anche un pluriomicida debba godere di una esistenza non umiliante. Viceversa egli è obbligato a trascorrere le giornate in condizioni pietose. Non chiediamo per lui dei premi o dei favori, però le nostre leggi affermano che un recluso debba essere rieducato, non bistrattato e torturato. L’autorità vigilante non ha margini di discrezionalità nell’infliggere punizioni più o meno severe a coloro che sono in cella, ma deve attenersi ai criteri dettati appunto dalla citata Costituzione, tanto decantata da qualsiasi partito politico. Ogni comportamento tenuto in galera che sia lesivo di coloro che vi sono ristretti va sanzionato senza esitazioni. Battisti quando in Italia ha commesso reati gravissimi, ha ucciso tre persone, meritava di essere blindato. Per anni è riuscito ad evadere e non ha scontato la giusta pena prevista dal Codice Penale, per cui ora che è blindato in prigione ritengo sia la fine congrua che doveva aspettarsi. Ma un conto è soggiornare dietro le sbarre e un altro è patire privazioni che contrastano col dettato costituzionale. Se i cittadini sono tutti uguali, pure i carcerati sono tutti uguali e non vanno discriminati in base alla loro connotazione politica. Lo stesso discorso vale per i mafiosi condannati al cosiddetto 41 bis che infligge vari patimenti anche fisici: imploro la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, di provvedere ad eliminare certe gratuite crudeltà, che contrastano con le caratteristiche di un Paese civile».

Articoli correlati

- Advertisment -