21.3 C
Napoli
martedì 25 Giugno 2024 - 11:14
HomeCronacaGiada era ancora viva quando è stata gettata dal ponte

Giada era ancora viva quando è stata gettata dal ponte

-

Giada Zanola era con ogni probabilità ancora viva quando il suo ex compagno Andrea Favero l’ha gettata dal cavalcavia dell’autostrada A4, a Vigonza (Padova). Il risultato, secondo quanto si è appreso, è emerso dall’autopsia svolta dal professor Claudio Terranova, su richiesta del sostituto procuratore di Padova Giorgio Falcone. Dall’esame, svolto nella giornata di ieri, non sarebbero stati evidenziati segni di strangolamento, o ferite di arma da taglio sul corpo della donna. E’ comunque possibile che Favero l’abbia tramortita per riuscire a sollevarne il corpo oltre la righiera del manufatto, che in quel punto misura circa due metri.

Giada Zanola aveva confidato alle amiche molte paure, dopo la crisi del rapporto con Andrea Favero: oltre alle botte e alle continue liti, aveva paventato il rischio che l’ex compagno mettesse in rete i suoi video intimi, per ricattarla. Non è che l’ultimo dei particolari emersi dalle testimonianze raccolte alla Polizia, che sta svolgendo le indagini sull’omicidio della donna di 34 anni, gettata dal cavalcavia autostradale di Vigonza (Padova), e per il quale Favero è stato arrestato. Dai racconti fatti dalle amiche è emerso un timore ulteriore, quello che l’uomo potesse avvelenarla, o drogarla a sua insaputa. Una circostanza che potrebbe venire chiarita dagli esami tossicologici sui campioni prelevati ieri nel corso dell’autopsia, e per il cui esito sarà necessario attendere circa 30 giorni.

Articoli correlati

- Advertisment -