11.8 C
Napoli
martedì 23 Aprile 2024 - 03:53
HomeSenza categoriaGiuseppe Conte nell'occhio del ciclone: polemica sulle restituzioni

Giuseppe Conte nell’occhio del ciclone: polemica sulle restituzioni

-

Giuseppe Conte nell’occhio del ciclone con il Movimento 5 stelle. La questione non è proprio di secondo piano: riguarda le risorse a disposizione del nuovo progetto. Perché molti parlamentari sono intenzionati a proseguire la “fronda della restituzione”, senza ridare indietro i mille euro che dovrebbero finanziare il M5S, secondo quanto previsto dal regolamento interno. Spiega una fonte interna: “Ma, oggettivamente, è una cosa normale chiedere un sostegno economico, senza aver avuto mai un minuto di confronto, un po’ di dibattito, sulla struttura del Neo-Movimento, come lo chiamano tutti?”. Il senso del ragionamento è: sarebbe necessario fare una fotografia in meno mentre si mangia la pizza a Napoli e una riunione in più con i gruppi parlamentari. Perché è a loro che viene chiesta di mettere mano al portafogli. Un altro deputato si lamenta: “Qua ci sono persone che hanno sempre restituito tutto, fino all’ultimo centesimo, dall’inizio della scorsa legislatura. Non sono accusabili di volersi tenere i soldi, ma la questione è proprio di rispetto reciproco”. Tradotto: fino a quando Conte non mostrerà le carte, compresa la deroga al secondo mandato, può scordarsi il finanziamento proveniente dalle tasche dei gruppi di Camera e Senato. Soldi che, però, sono fondamentali per finanziare le iniziative politiche e la campagna di Conte. D’altro canto, , oltre una cinquantina di parlamentari,  hanno addirittura anticipato tutti i versamenti del 2021.  “Senza soldi Conte si ferma dopo cento metri”. La fronda della restituzione, insomma, non è disposta a cedere il passo a cuor leggero.

Articoli correlati

- Advertisment -