28.3 C
Napoli
venerdì 19 Luglio 2024 - 22:49
HomeCronacaIncidente del bus precipitato a Mestre. Il procuratore: "Lo sterzo del mezzo...

Incidente del bus precipitato a Mestre. Il procuratore: “Lo sterzo del mezzo si è rotto”

-

La rottura di un perno destro ammalorato e quindi del giunto che collega allo sterzo hanno portato a sbandare in modio fatale il bus che il 3 ottobre scorso è precipitato da un cavalcavia a Mestre provocando la morte di 22 persone. Il dato è emerso oggi da un incontro con il procuratore di Venezia Bruno Cherchi che ha annunciato la chiusura della fase peritale e la trasmissione degli atti alle parti e ai loro consulenti per le conseguenti deduzioni tecniche. Lo stato del barriere stradali secondo la perizia della Procura era tale, per vetustà e mancata manutenzione per non sopportare l’urto. “Da stabilire – ha detto Cherchi – il nesso di casualità tra la rottura dello sterzo e lo stato delle barriere”. Al momento gli indagati sono tre funzionari del Comune di Venezia e l’amministratore delegato de La Linea.

Le immagini degli ultimi istanti di vita dei passeggeri del bus, secondo quanto reso noto da Cherchi, sono documentate da un video delle telecamere di bordo, acquisito dalla Procura nell’ambito dell’inchiesta sull’accaduto.

Il magistrato ha chiesto alle parti che ne entreranno in possesso (e potranno utilizzarlo ai fini dell’inchiesta) “di non di pubblicarlo o diffonderlo. Le immagini sono crude, ci sono minori e persone che muoiono – ha detto -, non è di nessuna utilità per l’opinione pubblica, mi appello al buon senso”.

“Le telecamere – ha aggiunto Cherchi – con le loro riprese non aggiungono nulla a quanto noto anche attraverso le altre perizie e le testimonianze”.

Di fatto le immagini documentano che il pullman viaggiava normalmente sul cavalcavia, quando ha iniziato a scarrocciare sulla destra – oggi si è saputo a causa della rottura di un giunto dello sterzo – battendo più volte e seminando pezzi sulle barriere, per poi precipitare.

Articoli correlati

- Advertisment -