28.3 C
Napoli
venerdì 19 Luglio 2024 - 23:27
HomeCronacaIsraele annuncia una "pausa tattica" nel sud di Gaza ma per Netanyahu...

Israele annuncia una “pausa tattica” nel sud di Gaza ma per Netanyahu è “inaccettabile”

-

Duro scontro in Israele tra il governo e l’esercito. L’Idf ha respinto le critiche sulla sospensione dei combattimenti nei pressi del corridoio umanitario di Gaza, e anche l’affermazione secondo cui la classe politica non sarebbe stata informata della decisione. Lo riporta Haaretz. L’esercito ha affermato che ‘la decisione è militare’ e che Netanyahu aveva recentemente incaricato i capi della sicurezza di aumentare gli aiuti a Gaza e di consentire un accesso più sicuro agli operatori umanitari alla luce della nuova udienza della Corte internazionale di giustizia e degli incidenti in cui operatori sono stati uccisi dal fuoco dell’IDF

L’esercito israeliano ha annunciato oggi “una pausa tattica” nel sud della Striscia di Gaza ma l’ufficio del primo ministro Netanyahu ha fatto sapere che “quando il primo ministro ha sentito domenica mattina la notizia di una pausa umanitaria nei combattimenti per 11 ore al giorno, ha detto al suo segretario militare che ciò era inaccettabile”. Lo riporta Haaretz aggiungendo che dopo il chiarimento “il primo ministro è stato informato che non vi è alcun cambiamento nella politica dell’IDF e che i combattimenti a Rafah continueranno come previsto”

Le Forze di difesa israeliane (Idf) hanno spiegato che attueranno una “pausa tattica” quotidiana “dell’attività militare” in una parte del sud dell’enclave palestinese durante le ore diurne per facilitare la consegna degli aiuti umanitari. Le Idf hanno dichiarato in un comunicato che lo stop “per scopi umanitari avrà luogo tutti i giorni dalle 8 alle 19 fino a nuovo avviso lungo la strada che porta dal valico di Kerem Shalom a Salah al-Din Road e poi verso nord”.

   L’esercito israeliano ha annunciato che altri due soldati sono stati uccisi ieri in combattimento, nel nord della Striscia di Gaza.

Il 28enne e il 49enne membri del 129mo battaglione dell’8a brigata corazzata di riserva sono morti quando un ordigno è stato fatto esplodere contro il loro carro armato, spiegano le Forze di difesa israeliane (Idf) citate dai media locali. Altri due soldati sono rimasti gravemente feriti nell’attacco. Sale quindi a dieci il bilancio dei militari rimasti uccisi ieri nell’enclave palestinese. Otto erano morti nella città meridionale di Rafah: secondo media arabi, combattenti di Hamas avrebbero teso un’imboscata al loro veicolo blindato colpendolo con i lanciarazzi; le Idf parlano da parte loro di “un ordigno esplosivo piazzato nell’area o il fuoco di missili anticarro”.

Articoli correlati

- Advertisment -