10.3 C
Napoli
martedì 5 Marzo 2024 - 03:00
HomeEsteriNella notte razzi su Israele e raid al confine con l'Egitto

Nella notte razzi su Israele e raid al confine con l’Egitto

-

Nell’imminenza di un attacco diretto al rione di Sajaya (Gaza City) l’esercito israeliano ha avvertito i comandanti locali di Hamas che devono arrendersi, se non vogliono morire. Sul web il portavoce militare Avichay Adraee ha pubblicato un testo in arabo in cui espone le immagini di 11 comandanti di Hamas attivi, secondo Israele, a Sajaya. ”Gettate le armi – ha scritto – se non volete fare la stessa sorte di Wissam Farhat e di Yunis Mishtaha”, figure di spicco dell’ala militare di Hamas, che sono stati stati uccisi ieri.

L’autorità per il traffico marittimo commerciale britannica (Uktmo) ha diramato un’allerta alle imbarcazioni che si trovino nel Mar Rosso per quella che chiama una “possibile esplosione” nello stretto di Bab el-Mandeb, che divide il Mar Rosso dall’Oceano indiano, dalla direzione dello Yemen. Segnalata anche la presenza di un drone proveniente dallo Yemen. “Le navi nelle vicinanze sono invitate a seguire le regole sui proiettili vaganti e avvisate di applicare cautela e di segnalare ogni attività sospetta all’UKMTO”, conclude l’avviso pubblicato sul sito e sulle reti sociali. Nelle ultime settimane, quest’area è stata teatro di una serie di attacchi attribuiti ai ribelli Huthi dello Yemen, sostenuti dall’Iran, che hanno anche lanciato missili e droni verso Israele.

Il direttore generale dell’Ufficio governativo per i media di Gaza ha dichiarato all’emittente qatariota Al Jazeera che più di 700 palestinesi sono stati uccisi nella Striscia nelle ultime 24 ore. Il direttore ha aggiunto inoltre che nell’area sono state sfollate 1,5 milioni di persone. Dalla ripresa dei combattimenti venerdì, Israele ha intensificato gli attacchi nell’area meridionale della Striscia. Nella notte e in mattinata sono stati segnalati pesanti bombardamenti nell’area di Khan Younis e nella città meridionale di Rafah.

Tensione nel nord di Israele. Secondo quanto aggiorna il portavoce militare, un razzo sparato dalla Siria è caduto oggi in territorio israeliano senza provocare danni ne’ vittime. In reazione, ha aggiunto il portavoce, la artiglieria israeliana ha sparato verso la località da dove era partito quell’attacco. Inoltre la scorsa notte un razzo anticarro sparato dal Libano sud è esploso vicino al kibbutz Yiftach, in alta Galilea, senza provocare vittime. Anche in questa circostanza Israele ha risposto con il fuoco dell’artiglieria.

Articoli correlati

- Advertisment -