23.4 C
Napoli
giovedì 30 Maggio 2024 - 14:27
HomeNewsNordio va avanti, separazione delle carriere e "nuova" Severino

Nordio va avanti, separazione delle carriere e “nuova” Severino

-

La levata di scudi contro l’introduzione dei test psicoattitudinali cresce nel mondo della magistratura. Ma sul tavolo del ministro ci sono però già altri provvedimenti per i quali si annunciano a breve altre scintille con il sindacato delle toghe. La prossima legge sulla separazione delle carriere dei magistrati (giudicante e requirente) “sarà presentata entro il mese di aprile, al massimo a maggio – assicura Nordio – e sarà consustanziale alla riforma del Consiglio superiore della magistratura per ovvie ragioni, quindi ci saranno due Csm separati”. Si tratterà di “una riforma radicale per la quale occorre cambiare la Costituzione e l’iter sarà ovviamente più lungo”. Non solo. “Anche per quanto riguarda la legge Severino – riflette il Guardasigilli – noi riteniamo che sia necessaria una rimessa a punto. Non è all’ordine del giorno ma sicuramente fa parte del nostro interesse”.

Provvedimenti che difficilmente l’ Anm riuscirà a digerire mentre ora a tenere banco sono ancora le polemiche sui test.
Dopo proteste del Associazione nazionale dei magistrati, tra i primi ad esporsi in questo senso c’è il procuratore di Napoli, Nicola Gratteri, che commenta: “Se vogliamo fare quei test, dovrebbero essere fatti per tutti i settori apicali della pubblica amministrazione, per chi ha responsabilità di governo e per chi si occupa della gestione della cosa pubblica”. Un provvedimento a cui Gratteri affiancherebbe anche il narco e alcol test, perché, spiega, “chi è sotto effetto di droga non solo può fare ragionamenti alterati ma è anche ricattabile”.

Articoli correlati

- Advertisment -