32.6 C
Napoli
sabato 13 Luglio 2024 - 18:27
HomeCronacaOmicidio Bozzoli, confermato l'ergastolo per il nipote, ma lui non si trova

Omicidio Bozzoli, confermato l’ergastolo per il nipote, ma lui non si trova

-

Giacomo Bozzoli non è nella sua casa sulla sponda bresciana del Lago di Garda dove risulta residente. Lo hanno constatato i carabinieri che si sono presentati nell’abitazione ma non hanno trovato nessuno poche ore dopo la pronuncia della Cassazione che ha confermato l’ergastolo nei confronti del 39enne bresciano ritenuto l’omicida dello zio Mario.

Secondo i giudici l’imprenditore è stato ucciso dal nipote e gettato nel forno della fonderia di Marcheno la sera dell’otto ottobre 2015 come sostenuto dalla corte d’assise di Brescia poi confermato dalla corte d’assise d’appello e ora dalla Cassazione. Gli uffici della Procura di Brescia hanno già ricevuto l’estratto della sentenza della Cassazione, atto fondamentale per poter emettere l’ordine di carcerazione.

La Cassazione dunque ha confermato la doppia condanna che il 39enne bresciano aveva già incassato in primo grado e in appello a Brescia.

Bozzoli che in questi nove anni è sempre rimasto in libertà non ha seguito l’udienza a Roma dove invece era presente il padre Adelio, il quale ha spiegato che il figlio era in attesa nella sua abitazione sul lago di Garda.

Articoli correlati

- Advertisment -