28.3 C
Napoli
venerdì 19 Luglio 2024 - 22:56
HomeCronacaSgozza e decapita il fratello poi chiede ai vicini di allertare i...

Sgozza e decapita il fratello poi chiede ai vicini di allertare i carabinieri

-

Un uomo di 59 anni è stato sgozzato e decapitato dal fratello. La testa è stata poi gettata dal balcone. Il terribile omicidio è avvenuto nella tarda serata di ieri a Pannarano, in provincia di Benevento. Al momento non si conoscono i motivi del gesto.

Ha approfittato che il fratello dormiva per recidergli la testa e gettarla dal balcone. E’ questa una prima ricostruzione dei militari fatta sulla scena del delitto consumatosi a Pannarano, al confine con l’Irpinia. L’assassino, Benito di 57 anni, ha ucciso il fratello Annibale, pensionato di 70 anni, nella sua camera da letto. Secondo quanto si apprende pare che a scatenare l’ira di Benito sia stata una lite col fratello. Dopo aver ucciso il fratello Annibale, l’assassino in evidente stato confusionale e di alterazione, si è recato da un vicino di casa chiedendogli di allertare i carabinieri.

Giunti sul posto, i militari hanno arrestato Benito e lo hanno condotto in carcere a Benevento dove, al termine dell’interrogatorio da parte del magistrato di turno, l’uomo ha ammesso la sua responsabilità. La vittima, dopo la morte della moglie, era tornato a vivere da qualche anno nel suo paese d’origine, Pannarano, aveva deciso di godersi la pensione.

Il sindaco: “Non ci sono parole, l’intera comunità è sgomenta”

“Non ci sono parole per quanto accaduto. Siamo vicini ai familiari colpiti da questa tragedia. L’intera comunità è sgomenta e incredula di fronte al dramma che ha colpito una famiglia di brave persone”. Così il sindaco di Pannarano (Benevento), Antonio Iannaccone, commenta con l’ANSA l’omicidio di Annibale Miarelli, l’ex operaio settantenne ucciso e decapitato dal fratello Benito nella tarda serata di ieri.

Articoli correlati

- Advertisment -